0

RECENSIONE: Hornwood Fell – Hornwood Fell

Debutto sotto la sempiterna Avantgarde per il trio nostrano Hornwood Fell. L’act suona un violentissimo black metal direttamente ispirato dalla scuola norvegese, vedi Ulver, Darkthrone e Satyricon. Riff feroci e glaciali intervallati da momenti...

1

Top Five 2014 – Emergenti

Come sempre puntuali col solito appuntamento di fine anno della TOP 5 EMERGENTI. Ecco i 5 dischi che abbiamo scelto per voi: Shores of null – Quiescence   Like a Paperplane – Unfolding Light...

0

RECENSIONE: The Nutries – The Nutries

Un vero e proprio salto negli anni ’90 questa produzione omonima dei vicentini “The Nutries“. Irriverente a partire dal moniker scelto dalla band, arrabbiato e violento, questo disco mostra la volontà dei ragazzi di non...

0

RECENSIONE: Aura – Make it burn EP

Artista canadese dalle molteplici capacità: ballerina, show-girl, e ora cantante. Attraverso sonorità alternative rock con atmosfere gothic, ci presenta un ep autoprodotto. Ottime capacità, senza dubbio, ma la qualità raggiunta certamente non è all’altezza...

0

RECENSIONE: Rocquette – 13

Arriva dall’Austria questa produzione firmata Rocquette, band capitanata dalla lead voice di Barbie Hardrock. Hanno provato a fare 13 mostrandoci un’anima rock’n’roll, ricca di sfumature hard e pop, cercando di rispolverare un genere che rimane sempre un evergreen, senza tuttavia...

2

RECENSIONE: Moheir – A Rough Soundtrack

Film mai girati, paesaggi inesplorati, copioni mai scritti. Sono queste alcune delle suggestioni create dalle atmosfere di A Rough Soundtrack, ultima fatica dei romani Moheir. La natura intrinsecamente cinematografica della proposta ha sostanzialmente due cause scatenanti....

0

FILM DEL GIORNO: Clerks

Indipendente, irriverente, scorretto e sopratutto low budget: Clerks, opera prima di Kevin Smith, risalente al 1994, costò soltanto 53 mila dollari, la metà dei quali utilizzati per l’acquisto dei diritti per la colonna sonora. Soundtrack...

0

FILM DEL GIORNO: Spun

Ross. Disturbato, dolce, violento, pervertito. Nikki. Luminosa, fragile, selvaggia. Il Cuoco. Un “padre” solitario alle prese con meth e figli acquisiti. Spider Mike. … Frisbee, un povero drogato. Cookie, una graziosa stupida. Un quadro...

0

RECENSIONE: GTO – Little Italy

I GTO, in attività dal 1993, tornano con il loro quinto album: Little Italy. Un pezzo d’Italia, un piccolo scorcio di una società banale, leggera, “che giudica con una sola voce e il giusto...

0

RECENSIONE: Horncrowned – Defanatus

Quando si tratta di ascoltare un disco black metal, la nostra mente si catapulta subito sullo stereotipo della classica band Norvegese (o nordeuropea in generale), pienamente a proprio agio tra fiordi, freddo e neve....