ALBUM DEL GIORNO: Opeth – Ghost Reveries

Potrebbero interessarti anche...

3 Risposte

  1. Damy ha detto:

    Una band eccezionale che ha dimostrato ancora una volta le potenzialità racchiuse nella “scuola musicale” svedese 🙂 A mio parere però i due migliori album degli OPETH sono “Still Life” e “Damnation”; questo “Ghost Reveries” (forse anche perchè troppo osannato da recensori di tutto il mondo) non mi ha totalmente convinto

    • Polx ha detto:

      In realtà lo vedo molto più come il raggiungimento di un traguardo maturato a seguito degli album che hai citato.
      Per affetto il mio preferito in assoluto è addirittura “Orchid”, da un punto di vista esterno e più oggettivo “Ghost Reveries” è stilisticamente molto più maturo, e pieno di soluzioni armoniche e tecniche che non si trovano negli album precedenti (non per questo più o meno belli).

  1. 24 Novembre 2013

    […] sotto tutti i punti di vista: innovazione, produzione e scrittura. Non a caso band del calibro di Opeth ed Anathema si sono avvalse dei servigi di questo ragazzotto inglese, decisamente dentro il […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.