Secondo singolo dei Muse: Madness. Come da titolo, follia pensare che potesse piacerci.

Parsti

Dopo diverse collaborazioni ed esperienze su altri blog e web radio è finalmente diventato un Interstellare, nonché uno dei punti forti del blog. Perseguitato da una psicosi costante per le anguille ( in quanto connubio errato di serpenti e pesci) e da una misantropia senza se e senza ma, ci delizia intervistando le band più improbabili (una sorta di Andrea Diprè della musica) e consigliando gli album ed i film più depressivi che l’umana stirpe abbia mai generato...

Potrebbero interessarti anche...

5 Risposte

  1. fra ha detto:

    é stupenda….non l’avete capita….

    • Blackbird ha detto:

      Non si tratta di capirla o no. Cerchiamo di essere oggettivi per una volta: questi non sono più i Muse di una volta (e non parlo delle contaminazioni elettroniche o sinfoniche, che come dice Parsti sono da sempre da noi molto gradite).
      Non scrivono e suonano come prima, tutto qui.

    • Parsti ha detto:

      Premesso che di musica di questo tipo ne ascolto e sono dentro all’elettronica da parecchio, e premesso che ho sempre apprezzato i Muse con piacere anche quando tutti li hanno buttati giù (The Resistance), ci può stare avere opinioni differenti dall’articolo e può darsi che io non abbia colto qualcosa che tu hai colto 🙂 … a me continua a sembrare un penoso tentativo di cavalcare l’ondata skrillex (il fabio volo dell’elettronica)..

  2. Plebeo ha detto:

    Ahah cala la mannaia! Dai non decapitiamoli troppo! Diciamo che l’idea era buona in linea di massima….io aspetto l’album per sancire il mio giudizio…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.